Direct Response Marketing

Che cos'é il Direct Response Marketing?

Il “Direct Response Marketing”, in italiano “Marketing a risposta diretta” è un tipo di tecnica progettata per evocare in chi sta guardando la pubblicità una risposta istantanea e incoraggiare un potenziale cliente ad agire cliccando nell’offerta dell’inserzionista. A differenza di altri tipi di marketing, il direct response richiede poco o nessun tempo di attesa per vedere risultati misurabili. Gli inserzionisti possono accedere al rendimento dal momento in cui viene lanciata la campagna.

A differenza della pubblicità tradizionale, che si basa sulla conoscenza e promozione dell’immagine del brand, le campagne con il direct response si aspettano un ritorno immediato sul investimento. Con la classica pubblicità possono volerci mesi o addirittura anni prima che una persona inizi a riconoscere il logo del brand e inizi ad acquistare da esso, con il direct response questo invece avviene immediatamente.

Quali sono le componenti chiave del direct response?

Una pubblicità in direct response ha bisogno dei seguenti elementi:

  • Offerta

Un’offerta é una combinazione di fattori quali: il prodotto stesso, garanzia, incentivi, tempo o quantità limitata etc… Molto spesso, l’intento dell’offerta non é di vendere il prodotto, ma solo di raccogliere informazioni sui clienti “lead”, al quale poi reindirizzare pubblicità mirate.

  • Informazioni

Una pubblicità in direct response deve avere abbastanza informazioni per essere valutata al primo colpo da un potenziale cliente. Come regola, meno il prodotto é famoso, piú dovranno essere le informazioni contenute nella pubblicità. Solitamente colui che crea la pubblicità ha 4 secondi per catturare l’attenzione del cliente con informazioni rilevanti, dopodiché dovrà spiegargli per bene perché il suo prodotto é diverso dalla concorrenza.

  • Call to action

Ogni pubblicità in direct response deve avere una chiara call to action, ovvero qualcosa che dica all’utente cosa fare dopo aver visto la pubblicità.

La call to action puó essere di vari tipi:

  1. Seguici sui nostril profili social
  2. Contattaci ora
  3. Condividi
  4. Acquista ora
  5. etc..

Quali sono i benefici del direct response?

  • Generare un ROI (ritorno sull’investimento) immediato. Il direct response si basa tutto sulle risposte immediate, grazie ad esse l’inserzionista puó decidere dove pizzare meglio la pubblicità per portare il rendimento piú alto possibile.
  • Performance tracciate. Quando un utente clicca sulla call to action, l’inserzionista sa esattamente quale annuncio e quale media ha generato quell click. Quando si acquista, gli inserzionisti possono determinare se gli annunci sono efficaci, quale gruppo target è maggiormente interessato all’annuncio, qual è il tasso di coinvolgimento, la quantità di click che viene generata giornalmente e così via.
  • Risultati misurabili. Poiché gli inserzionisti sanno con precisione quali annunci vengo visualizzati di piú e quante entrate provengono da ciascuno, possono facilmente valutare il rendimento della campagna e decider se aumentare il budget pubblicitario oppure stoppare la campagna.
  • Targhettizare un pubblico specifico. Mentre la pubblicità tradizionale viene mostrata a tutti, proprio perché il suo obbiettivo é quello di sponsorizzare il brand, il direct response viene fatto solo su persone che hanno mostrato un reale interesse nel nostro prodotto.

Esempio di direct respnse

Nell’esempio vedete una pubblicità fatta da Off-white su Instagram e Facebook. Come potete vedere ogni immagine ha sotto una call to action che rimanda all’acquisto sul sito web. I prodotti mostrati non sono per tutti uguali, cambiano in base a ció a cui l’utente é interessato secondo I dati raccolti dall’inserzionista che ha fatto la campagna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *